INTERVISTA AI DOCENTI: Ilenia Giovannini

D.Ci parli un po’ di Lei e della sua formazione

Sono nata a Roma 28 anni fa. La mia infanzia è stata sempre segnata dallo spirito avanguardista dei miei genitori, a partire dal nome che hanno scelto, decisamente poco usato a quei tempi.
Alla scuola materna mi faccio subito notare per la mia infinita voglia di parlare con tutti che mi fa conquistare il ruolo di protagonista in tutte le recite scolastiche.
Papà mi iscrive a nuoto, perchè è uno sport che forma il fisico e la mente. Ero bravina, ma soprattutto mi impegnavo per migliorare le mie prestazioni.
Una sera andiamo ad un convegno: quanti paroloni che non capisco. La mia attenzione si sofferma su un monitor bianco, molto grande, con una foto blu sullo schermo… Ritorno a casa con il mio primo pc pentium II. Avevo 6 anni.
Alle scuole medie, grazie alle gare agonistiche di nuoto, cominciano ad uscire fuori gli aspetti che maggiormente amo del mio carattere: determinazione, impegno ma anche impulsività.
Scelgo il liceo linguistico perché mi affascinano le altre culture, la loro diversità e le usanze.
Durante gli anni del liceo mi appassiono alla grafica vettoriale: imparo ad usare photoshop, illustartor e decido di seguire dei corsi di fotografia. Me ne vado in giro per la mia splendida città a trovare dei vicoletti, stradine, ma anche gli immensi monumenti per fotografarli e personalizzarli con i filtri fotografici. Gli amici mi chiedono di aiutarli con il biglietto da visita, i flyers per il loro compleanno e finalmente arriva il primo lavoro serio: responsabile grafico del giornale di quartiere.
Mi iscrivo alla Facoltà di Comunicazione a Roma Tre: i tre anni volano e l’innata capacità di dialogo mi fa preferire gli esami orali. Ho sempre odiato scrivere, le persone devi guardarle in faccia per capire… Seguo con interesse gli esami di marketing, informatica, economia, psicologia.
La tesi di laurea triennale infatti argomenta la psicologia dei consumi, le scelte dei consumatori e le strategie per l’acquisto dei prodotti. L’editore del giornale per cui lavoravo mi promuove come responsabile commerciale: “Hai la capacità di incantare le persone”. Approdo alla Sapienza per la specializzazione: organizzazione e marketing per la comunicazione d’impresa. Non potevo scegliere facoltà migliore. Infatti la mia vena imprenditoriale presente fin dagli anni del liceo, mi ha permesso di tirare su qualche soldino con le ripetizioni e le lezioni di informatica e inglese.
Ho sempre vissuto con i cani, non posso farne a meno. Hanno quel modo gentile di starti vicino, senza chiederti nulla in cambio. Compriamo una cockerina fulva, Cloe. Impazzisco per lei. Vivo in un epoca in cui la laurea non serve a molto purtroppo, per questo mando i primi curriculum, faccio i primi colloqui, e approdo in Vodafone come consulente commerciale. Essere entusiasti della vita è un grande pregio e mi permette di iniziare ogni nuovo progetto con lo spirito giusto.
Mi rendo conto però che le persone che lavorano insieme a me non hanno la stessa energia. Non posso lavorare con colleghi annoiati, distratti, che non s’impegnano.
Inizio quindi a lavorare come communication consultant per nuove attività commerciali.
La comunicazione online è cresciuta tantissimo e porta grossi risultati a fronte di minimi investimenti.
Come un fulmine a ciel sereno arriva l’offerta di stage presso Egorego!, una internet company nata 8 anni fa. L’ambiente è meraviglioso: giovani coetanei che si impegnano ogni giorno in nuovi progetti, che sperimentano, si mettono alla prova…
Purtroppo la crisi degli ultimi anni colpisce soprattutto le piccole aziende e ci ritroviamo in pochi mesi a dover chiudere, per evitare debiti.
Torno quindi a lavorare come Social Media Manager presso Interimmobili, un’agenzia immobiliare che fa parte del gruppo Vittoria Assicurazioni. Ho imparato molto, soprattutto dalle riunioni con le più importanti figure aziendali.
Senza rinunciare alla consulenza decido di accettare la proposta di entrare a far parte stabilmente dell’organico amministrativo del gruppo di Farmacie “PharmaExperience” come Responsabile amministrativo e Digital Marketer.

D. ci può raccontare come è nata la passione per questo settore

Volere è potere. La passione muove le azioni e le azioni alimentano la passione.
Occorre mantenere i piedi in terra ed essere ambiziosi facendosi guidare da una sana passione.
Mi sono appassionata al marketing proprio perché amo le sfide: infatti questo nuovo modo di vedere l’economia è nato proprio per rivoluzionare i principi classici.
E inoltre, preferisco sempre guardare avanti piuttosto che indietro e nel momento di scegliere l’università il settore più in crescita era proprio il marketing e la comunicazione.
Il web marketing ha permesso alla mia passione per la tecnologia di emergere in superficie, dandogli visibilità, autorevolezza e séguito grazie alla mia capacità di comunicare all’esterno con competenza ed efficacia.

D. perché scegliere il suo corso

Il corso di Web Marketing permette di trasformare la passione in un lavoro.
Permette di imparare i segreti alla base del metodo di una web marketer che è riuscito a fare proprio questo. Pochi corsi permettono di trasformare una passione in un vero e proprio mestiere: un’attività riconosciuta, ricercata e soprattutto monetizzabile.
Il mio intento è quello di trasmettere un metodo provato e sperimentato, che permetta di possedere una procedura strategica con la quale pianificare il proprio progetto imprenditoriale.
Se il lavoro occupa un terzo delle vita di ciascuno, imparare a lavorare divertendosi è la migliore prospettiva!

D. un consiglio per i futuri allievi che vogliono iscriversi
Siate tutto quello che potete essere. L’efficacia del vostro lavoro dipenderà solo dalla vostra capacità di alzarvi tutte le mattine con un approccio attivo, con la voglia di fare senza pensare che le cose facili sono le migliori. Trasformatevi in ingegneri per costruire il vostro futuro. Menta aperta e orizzonti ampi.

Comments

comments

TOP